giovedì, Luglio 7, 2022
HomeIl motoreLo studio che salva le auto benzina dall’estinzione

Lo studio che salva le auto benzina dall’estinzione

C’è uno studio che può salvare le auto a benzina dall’estinzione: è stato realizzato da Demuynck, Mendoza Villafuerte, Bosteels, Pannwitz, Tietze, Sens, Williams, Bouet e Chaillou, un gruppo di ricercatori di alto livello che si è dedicato allo sviluppo di soluzioni per abbattere le emissioni di CO2.

Lo studio è stato presentato in occasione dell’International Vienna Motor Symposium del 2022 che si è tenuto nella capitale dell’Austria. I progettisti e ricercatori hanno portato avanti un lungo e articolato lavoro sui segreti del funzionamento dei motori termici, concentrandosi sulle soluzioni per porre fine ai gas a effetto serra e inquinanti emessi dagli scarichi delle vetture. Un giorno potrebbero essere ricordati come gli uomini che hanno salvato i propulsori termici.

Auto a benzina: uno studio le salva dall’estinzione

Il lavoro presentato a Vienna da Demuynck, Mendoza Villafuerte, Bosteels, Pannwitz, Tietze, Sens, Williams, Bouet e Chaillou, descrive in maniera dettagliata l’implementazione di un sistema avanzato di controllo delle emissioni su un’automobile dimostrativa a benzina. L’esperimento convalida una quantità irrisoria di emissioni inquinanti su combustibili rinnovabili e sostenibili.

Intitolato Zero-Impact Emissions from a Gasoline Car with Advanced Emission Controls and E-Fuels, lo studio descritto a Vienna potrebbe diventare decisivo nel futuro di tutto il comparto automobilistico, soprattutto in un particolare momento storico in cui il Parlamento Europeo ha deciso di porre fine alla vendita e alla produzione di auto benzina e diesel a partire dal 2035, in favore delle sole vetture elettriche.

Il veicolo dimostrativo utilizzato dai ricercatori è dotato di un propulsore a benzina mild-hybrid da 48 V con un motore turbo a iniezione diretta da 1,5 litri. L’auto ha un sistema di controllo delle emissioni formato da un catalizzatore a tre vie TWC in posizione accoppiata, insieme a un filtro antiparticolato posto sotto il pavimento, a un secondo TWC e un altro catalizzatore di scorrimento ad ammoniaca.

In base allo studio si riscontrano bassissime emissioni inquinanti ottenute nel confronto con la benzina di riferimento, sfruttando paio combustibili sostenibili: la Blue Gasoline e l’e-Fuel disponibile a medio conclusione per poter raggiungere il 100% di contenuto rinnovabile. Una scoperta eccezionale che potrebbe risollevare le sorti del mercato automobilistico in forte crisi da anni.

Come ridurre le emissioni delle auto a benzina

L’obiettivo dello studio, ampiamente raggiunto, era quello di dimostrare che un veicolo dotato di un motore a combustione interna adeguatamente riprogettato e alimentato, è capace di appagare i requisiti carbon neutral tanto quanto un veicolo Bev alimentato elettricità rinnovabile e un FCEV rifornito con idrogeno verde.

Secondo gli autori dello studio “per decenni a venire nel contesto mondiale la maggior parte dei nuovi veicoli sarà equipaggiata con un motore a combustione interna. Tutte le emissioni che possono essere ridotte ora avranno un impatto significativo sulla mitigazione del cambiamento climatico a causa dell’effetto cumulativo di ogni grammo di CO2 emesso nell’atmosfera”.

Lo studio, dunque, potrebbe salvare i propulsori a benzina dall’estinzione, in un momento in cui il futuro del settore automobilistico mondiale ha finito una virata decisa sull’elettrico. La pubblicazione del lavoro dei ricercatori arriva a pochi giorni di distanza dalla dura reazione del Governo italiano allo stop ai motori termici voluto dall’Unione Europea.

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

I più popolari