lunedì, Agosto 15, 2022
HomeMondoIl coleottero punteruolo è in Spagna, agavi minacciate

Il coleottero punteruolo è in Spagna, agavi minacciate

I ricercatori dell’Università di Jaèn in Spagna hanno rilevato la presenza del punteruolo, un tipo di coleottero, in una provincia interna dell’Andalusia, a Jaèn. È il primo avvistamento in questa zona e questo coleottero arrivato dalle zone costiere della penisola orientale, rappresenta una seria minaccia per l’agave, una specie di pianta esotica con più di 500 anni in Spagna. I ricercatori del Dipartimento di Biologia Animale, Biologia Vegetale ed Ecologia dell’Università di Jaèn hanno scoperto che questo insetto attacca la pita, fibra ricavata dalla foglia dell’agave. La notizia è contenuta nell’articolo “Nuove citazioni del punteruolo dell’agave in Spagna: sta continuando la sua avanzata verso l’interno della penisola?”, pubblicato nella rivista Cadice di Entomologia.

L’agave viene dall’America ed è stata introdotta intorno al 1500 in Spagna. Il suo uso principale era la fabbricazione della corda della pita dalle fibre delle sue foglie. Oggi ha un grande valore ornamentale, ad esempio, è utilizzata in parchi e giardini o come siepe su sentieri e strade del bestiame, e persino come elemento di protezione nelle aziende agricole. “Ecco perchè vogliamo evidenziare che il paesaggio culturale e naturale associato all’agave (Agave americana) nel nostro contesto geografico scomparirà in breve tempo se non si rimedierà ai danni causati dal punteruolo nero “, spiega Francisco Josè Guerrero Ruiz, professore di Ecologia all’UJA e autore dell’articolo insieme ai ricercatori dell’UJA Fernando Ortega Gonzàlez e Javier Jurado Pardeiro.

Biodiversità

Dalla cimice asiatica alla cocciniglia tartaruga: la lotta ai parassiti ‘alieni’ delle piante

di

Cristina Nadotti

18 Febbraio 2021

“L’arrivo del punteruolo a Jaèn è legata al trasporto di animali o materiali, poiché l’insetto è apparso vicino a un centro ippico. E’ una specie che provoca gravi danni all’agave, ma al momento l’amministrazione non sta investendo nell’eradicazione di questo coleottero”, afferma Francisco Guerrero. I ricercatori sottolineano la necessità di effettuare maggiori studi per poter intraprendere azioni al fine di contrastare la diffusione del parassita.

Argomenti

ARTICOLI CORRELATI

I più popolari